EcoOne Convegno Internazionale

LiveOil

 

4-6 Aprile 2014

EcoOne Convegno Internazionale

 

L’Associazione Culturale LiveOil, che promuove l’interesse per i temi dell’eco-sostenibilità, innovazione tecnologica e progresso scientifico, ha esposto alla Rappresentanza in Italia della Commissione Europea il progetto di EcoOne ecologically united. Con il Patrocinio della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, il Prof. Luca Fiorani Presidente dell’Associazione EcoOne ha organizzato per il 4, 5 e 6 aprile 2014 il Convegno Internazionale“Relazionalità naturale e coscienza ambientale” che avrà luogo presso il Centro Mariapoli in Via S. Giovanni Battista De La Salle a Castel Gandolfo. Il programma è diviso in quattro sessioni che affronteranno il problema della “crisi ecologica”. Il convegno desidera avviare un dialogo aperto e trans-disciplinare su questa tematica: come rispettare la natura e, allo stesso tempo, valorizzare la creatività umana? - I lavori hanno avuto inizio il 4 aprile alle ore 15:00 con la prima sessione dal tema “Relazione persona-natura”. Sabato mattina 5 aprile alle ore 9:00 si è tenuta la seconda sessione, “Relazionalità naturale”. Nel pomeriggio alle ore 15:00 è stat la volta della terza sessione “Coscienza ambientale”. Il convegno si è concluso Domenica con l'ultima sessione, “Il futuro che vogliamo”.

Nell'ambito di tale sessione conclusivaè stata tenuta, su invito, la relazione del Prof. L. DeDominicis, vice-presidente della LiveOil, dal titolo "Europe 2020: the european strategy for a clever, sustainable and inclusive growth"

Per informazioni www.ecoone.org

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Europa 2020: Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva

 

Luigi De Dominicis

Associazione Culturale LiveOil

 

 

Europa 2020 è la strategia decennale per la crescita sviluppata dall'Unione europea. Stilata nel pieno del dispiegarsi della profonda crisi economica che si è abbattuta sul Vecchio Continente, essa mira a colmare le lacune del modello di crescita europeo e creare le condizioni per un diverso tipo di sviluppo economico, più intelligente, sostenibile e solidale.

Sulla base di una profonda revisione critica, l’Europa ha ripensato sé stessa e cercato di delineare delle linee guida per tenere il passo delle rampanti economie emergenti e dei più spregiudicati modelli economico-sociali senza rinnegare i principi fondanti dell’Unione.

Per dare maggiore concretezza a questo strategia, l'UE si è data cinque obiettivi da realizzare entro la fine del decennio. Riguardano l'occupazione, l'istruzione, la ricerca e l'innovazione, l'integrazione sociale e la riduzione della povertà, il clima e l'energia.

La sfida adesso è mettere in atto con azioni concrete la strategia delineata in Europa 2020. Come esempio viene riportato il programma di finanziamento alla ricerca ed innovazione denominato Horizon 2020 e che mette sul campo circa 80miliardi di Euro nel periodo 2014-2020. Horizon 2020 è il “ braccio armato” della strategia Europe 2020 e si prefigge di rimettere in azione il meccanismo conoscenza- ricerca applicata – innovazione vitale per la crescita economica e sociale dell’Europa .

Tuttavia la piena attuazione delle strategie di Europe 2020 nasconde non trascurabili insidie provenienti da interessi forti nazionali e lobbistici. In questo scenario diventa centrale il ruolo attivo che noi cittadini europei possiamo svolgere nel monitorare i progressi ed i risultati della strategia Europe 2020 al fine di non disperdere il grosso sforzo economico e umano che il programma mette in gioco e vanificarne le aspettative.

 

Il Dr. Luigi De Dominicis, Fisico, è ricercatore presso l'ENEA, l'Agenzia Italiana per le Nuove Tecnologie, Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile.

Attualmente è responsabile scientifico per l'ENEA del progetto europeo EDEN, il più grande progetto mai finanziato dalla comunità europea in tema di Security ed in cui l'ENEA è uno dei principali partners. Il Dr. De Dominicis ricopre anche il ruolo di punto di contatto per l'Unità Metrologia dell'ENEA di Frascati con la sede ENEA di Bruxelles per la progettualità europea ed è allo stesso tempo responsabile per il trasferimento tecnologico della stessa Unità. Inoltre è membro del comitato Direttivo del Gruppo di Lavoro sulle Tecnologie Laser per l'industria petrolifera che si riunisce annualmente ad Aberdeen (UK), è revisore di progetti per la "Technology Agency of the Czech Republic" e per l'Agenzia europea "EUROSTAR Programme". Il Dr. De Dominicis è anche il rappresentante ENEA all' "Integrated Mission Group for Security (IMGS) TA6 CBRNE, Brussels (BE)" e rappresentante ENEA alla IAEA di Vienna per le applicazioni della spettroscopia laser alla sicurezza nucleare. Esercita anche attività in qualità di revisore per diverse riviste scientifiche tra le quali Journal of Optics, Journal of Display Technology, Journal of Archaeological Science. Nel maggio 2013 insieme agli altri membri del Laboratorio di Visione Laser dell'ENEA di Frascati è stato insignito a Londonderry del premio DIGiBIC Award 2013 per la migliore tecnologia innovativa a livello europeo.

Vice-presidente delll'Associazione Culturale LiveOil, si occupa delle tematiche relative al dialogo costruttivo tra esponenti della " black" e la "green economy".